Treni a levitazione magnetica: test sul nuovo prototipo giapponese basato sul modello Maglev

02/09/2020

Nonostante la crisi del coronavirus, il Giappone ha rivelato che condurrà i test di un nuovo prototipo di treno nell'ambito della sua ambiziosa linea a levitazione magnetica.

Altrove, però, il concetto di Maglev mostra pochi segni di decollo. Da quando è stato lanciato in tempo per i Giochi Olimpici del 1964 a Tokyo, lo Shinkansen è rimasto un motivo di orgoglio nazionale in Giappone. Anche la storia del treno proiettile è una storia di progresso. Quando, oltre mezzo secolo fa, collegò per la prima volta Tokyo a Osaka, aveva una velocità di 210 km/ h; oggi i treni sfrecciano a una velocità fino a 320 km/h, trasportando oltre un milione di passeggeri al giorno.

 

Ma poiché lo Shinkansen è diventato una specie di istituzione, ed emblema dello spirito tecnologico del paese, il prossimo capitolo dei viaggi in treno ad alta velocità in Giappone si è rivelato molto più difficile da scrivere. Mentre il Giappone è già in possesso di una rete ferroviaria basata sulla levitazione magnetica, la Linimo Line nella prefettura di Aichi, vicino alla città di Nagoya, è notevolmente oscurata dal servizio commerciale cinese Maglev, che fa la spola tra Shanghai e l'aeroporto internazionale di Pudong a 268 miglia all'ora (la Linimo va a 62 miglia all'ora).

Sono passati più di 17 anni da quando la Transrapid di Shanghai ha iniziato ad operare, eppure rimane il treno elettrico più veloce del mondo. Tokyo, che ha iniziato ad esplorare i meriti della tecnologia alla fine degli anni Sessanta, è ansiosa di rubare una marcia al suo rivale di lunga data e di svelare un sistema Maglev ancora più ambizioso. Il Giappone scommette molto sulla linea Maglev del Chuo Shinkansen, che coprirà la distanza di 178 miglia tra Tokyo e Nagoya ad una velocità di 500km/h, riducendo il tempo di percorrenza a soli 40 minuti. La rete giapponese, la cui apertura commerciale è prevista per il 2027, si basa su magneti superconduttori in grado di far levitare il treno fino a 10 cm con il minimo attrito.

Gesa Industry segue con estrema attenzione la corsa all’evoluzione tecnologica, accogliendo e studiando ogni novità per poter fornire a propri clienti un’offerta sempre all’avanguardia ed al passo con i tempi nel settore degli interni per treno.

Categoria:

Post Correlati

Giugno 29, 2022
Progetti sostenibili e Green, l’importanza della qualità e della conoscenza al pubblico dell’attualità ferroviaria

L’attuale sviluppo di numerosi progetti sostenibili e green, che vedono una centralità dell’impiego di energia rinnovabile e del riuso dei materiali è divenuta una sfida per le aziende che guardano ai sistemi innovativi e compatibili con le esigenze di mobilità del nostro immediato futuro, al fine di migliorare in sicurezza, efficienza, affidabilità delle infrastrutture e […]

Read More
Giugno 29, 2022
L’importanza e l’attualità della qualità degli interiors di arredo treni

L’Italia è tra quelle realtà socioeconomiche che nella progettazione dei mezzi di trasporto pubblico e privato si caratterizza per qualità e alta prestazione dall’inizio degli anni Settanta. Al centro delle dinamiche aziendali possiamo riscontrare l’idea stessa della progettazione dei mezzi di trasporto pubblico come user centred, con l’obiettivo continuo di migliorare la qualità dell’utilizzo e […]

Read More
Giugno 29, 2022
Certificazioni e tracciabilità per la sicurezza della mobilità ferrotranviaria 

  Nel contesto economico meridionale ritroviamo aziende estremamente qualificate e che suscitano interesse sui mercati internazionali. L’alta specializzazione esclusiva e specifica del segmento ferrotranviario trova in Gesa Industry un valido partner economico che, nel corso degli anni ha saputo accompagnare tutti i progressi decisivi e fondamentali del settore ferroviario, ponendosi come partner dei più importanti […]

Read More
Luglio 25, 2021
Materiali compositi per treni più economici ed efficaci

I treni della metropolitana di Londra District Line hanno lanciato i primi treni di produzione dotati di porte leggere in alluminio composito a nido d'ape nel 1978. Dopo diverse decadi da questo primo passo, quali sono oggi i vantaggi nell’uso dei materiali compositi? Necessità di riduzione del peso nei veicoli ferroviari Le crescenti esigenze dei […]

Read More
crossmenuchevron-downchevron-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram