Tecniche di incollaggio: trattamento al plasma

23/10/2019

Tecniche di incollaggio: trattamento al plasma

Tra le tecniche di incollaggio più innovative spicca il trattamento al plasma, molti materiali, come ad esempio il polipropilene , il polieterchetone o il poliossimetilene, non possono affatto essere incollati o si incollano solo con scarsi risultati se non sottoposti ad un pretrattamento al plasma. L’elevata adesività e l’incollaggio resistente nel tempo di vetro, metallo, ceramica e materiali plastici costituiscono quindi una sfida non indifferente per l’industria manifatturiera, ed in particolare quando si parla di interni per treno.
Cosa sono e come funzionano i plasmi?
I plasmi sono mezzi chimicamente attivi, che in relazione alle modalità di attivazione e alla loro potenza di lavoro possono generare temperature molto alte o basse, nel primo caso si parla di plasma termico, nel secondo di plasma freddo.
L’ampio intervallo di temperatura consente una grande varietà di applicazioni.

Il plasma termico, grazie alle elevatissime temperature generate, è ampiamente utilizzato in ambito metallurgico per il taglio e la saldatura dei metalli. Le applicazioni industriali della tecnologia del plasma freddo, pur essendo le più svariate, possono essere tutte ricondotte a operazioni di modifica superficiale: attivare, pulire, rivestire le superfici.
Le proprietà di adesione del polietilene e del polipropilene sono scarsissime ed il trattamento con plasma freddo le migliora, Il plasma freddo migliora l’incollaggio ottenendo superficialmente dei composti chimici reattivi che non sono ottenibili con procedimenti chimici tradizionali. Un considerevole vantaggio consiste nel fatto di poter realizzare un trattamento che coinvolge solo gli strati superficiali di materiale, che lascia quindi inalterate le proprietà meccaniche generali, adottando tra l’altro temperature di processo poco elevate che non danneggiano eventuali substrati degradabili. Proprio quest’ultimo vantaggio offre una possibile soluzione ai problemi di bagnabilità e, conseguentemente, di incollaggio di alcune tipologie di polimeri, tra cui per esempio il polietilene o il polipropilene, che presentano scarsissime proprietà di adesione ma un vasto campo di impiego.
Gesa Industry è alla ricerca costante di tecniche produttive sempre più innovative ed efficienti per far si che ogni prodotto fornisca la massima prestazione possibile.

Categoria:

Post Correlati

Giugno 29, 2022
Progetti sostenibili e Green, l’importanza della qualità e della conoscenza al pubblico dell’attualità ferroviaria

L’attuale sviluppo di numerosi progetti sostenibili e green, che vedono una centralità dell’impiego di energia rinnovabile e del riuso dei materiali è divenuta una sfida per le aziende che guardano ai sistemi innovativi e compatibili con le esigenze di mobilità del nostro immediato futuro, al fine di migliorare in sicurezza, efficienza, affidabilità delle infrastrutture e […]

Read More
Giugno 29, 2022
L’importanza e l’attualità della qualità degli interiors di arredo treni

L’Italia è tra quelle realtà socioeconomiche che nella progettazione dei mezzi di trasporto pubblico e privato si caratterizza per qualità e alta prestazione dall’inizio degli anni Settanta. Al centro delle dinamiche aziendali possiamo riscontrare l’idea stessa della progettazione dei mezzi di trasporto pubblico come user centred, con l’obiettivo continuo di migliorare la qualità dell’utilizzo e […]

Read More
Giugno 29, 2022
Certificazioni e tracciabilità per la sicurezza della mobilità ferrotranviaria 

  Nel contesto economico meridionale ritroviamo aziende estremamente qualificate e che suscitano interesse sui mercati internazionali. L’alta specializzazione esclusiva e specifica del segmento ferrotranviario trova in Gesa Industry un valido partner economico che, nel corso degli anni ha saputo accompagnare tutti i progressi decisivi e fondamentali del settore ferroviario, ponendosi come partner dei più importanti […]

Read More
Luglio 25, 2021
Materiali compositi per treni più economici ed efficaci

I treni della metropolitana di Londra District Line hanno lanciato i primi treni di produzione dotati di porte leggere in alluminio composito a nido d'ape nel 1978. Dopo diverse decadi da questo primo passo, quali sono oggi i vantaggi nell’uso dei materiali compositi? Necessità di riduzione del peso nei veicoli ferroviari Le crescenti esigenze dei […]

Read More
crossmenuchevron-downchevron-right linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram